La terapia dello scrivere è un passaggio fondamentale per fare un passo avanti, per diventare un web writer migliore. E un professionista felice. C’è chi intende questo punto come un elemento decisivo di un passaggio decisivo di un percorso legato al benessere della mente. Soprattutto se si punta alla scrittura di getto.

terapia dello scrivere

Senza punteggiatura, senza riflessione e attenzione alla forma. Magari su un diario personale. Ma il potere terapeutico della scrittura va oltre l’accademia. Almeno per me. Scrivere non vuol dire solo lavoro online. Non puoi sopravvivere a questo mondo se batti le dita sulla tastiera solo per guadagnare. Perché non si diventa ricchi.

I benefici dello scrivere

La terapia della scrittura passa attraverso il diario clinico psicologico, uno strumento che può avere scopi differenti in base alla terapia. Non mi addentro in questi argomenti, preferisco pensare alla scrittura come terapia personale. Puoi guadagnare con il blog, quindi ottenere dei benefici economici, ma allo stesso tempo la scrittura può diventare una pomata lenitiva.

Una medicina per curare ansie e dolori dell’anima. Esagero? Non credo. I benefici della scrittura sono già noti. Attraverso lo scorrere delle parole metti su carta (digitale o meno) quello che sei veramente, trasponi in parole la tua anima e tutto ciò che riesce a trascinarsi dietro. Paure e ansie, gioie e speranze. A volte dolori.

Da leggere: come scrivere per sedurre i lettori

Scrivere può essere la cura

Grazie a esercizi di scrittura terapeutica specifici, ma non solo. Io, ad esempio, quando devo iniziare un lavoro mi concentro sempre su un aspetto introspettivo. Studio il contesto, mi appoggio alle varie analisi e punto al SEO copywriting.

Ma poi metto da parte tutto ciò che riguarda la teoria. E scrivo. Mi calo in un mondo tutto mio, in cui divento altro da me. Magari la persona che dovrà leggere il testo e dovrà usare la combinazione di consonanti e vocali per fare qualcosa di utile.

Perché questo è il punto

La terapia dello scrivere si attiva quando c’è dialogo tra ciò che scrivo e le reazioni del pubblico. Per questo i commenti sono sacri e l’interazione deve essere tutelata. Lo scrivere fa bene all’anima nel momento in cui puoi fare qualcosa di buono per chi ti circonda. Quando puoi donare, con empatia e delicatezza, il massimo.

Questo funziona anche in ottica SEO. Una scrittura densa ti dà la possibilità di sfornare contenuti di valore, ricchi di qualità per chi legge. E anche per i motori di ricerca. Molti mi chiedono qual è la soluzione per un buon lavoro di SEO copy.

E io dico sempre questo: devi mettere qualcosa in più nel testo. Lascia che la tua esperienza faccia la differenza, in un mondo di contenuti uguali è solo il contributo personale a dare la carica. Ovviamente senza dimenticare tutte le regole per scrivere un articolo in ottica SEO, questo è chiaro.

Manuale di scrittura creativa
Un libro per sviluppare le tue abilità e il tuo desiderio di scrivere per dare voce alla tua creatività. Ecco un libro che consiglio a chi vuole amplificare uno strumento potente. Puoi acquistare il libro su Amazon.

La tua terapia dello scrivere

Questa è la mia idea. La scrittura fa bene al cervello ma, soprattutto, allo spirito. E se riesci a trasformare il tuo lavoro di blogger o web writer in un beneficio per la tua persona sei in una botte di ferro. Quando scriverai sarai una persona felice.

Non sentirai il bisogno di staccare o di andare in ferie. Oddio, magari questo no però la vita sarà sicuramente più bella. Per me è così: la terapia dello scrivere funziona. Per te è lo stesso? Scrivere ti fa stare bene? Racconta tutto nei commenti.

The post Scrivere può essere una terapia? appeared first on My Social Web.

Powered by WPeMatico

Leave a comment