Questo è uno dei punti che molti colleghi vogliono approfondire: come fare una relazione e scrivere un testo ben strutturato? Il punto di partenza è questo: deve vincere la chiarezza. L’obiettivo di questo contenuto è proprio la comunicazione.

come fare una relazione
Come si fa una relazione?

In realtà gli scopi sono diversi. Puoi impostare una relazione di lavoro o di studio, per descrivere libri o creare una scheda medica. Gli scopi sono infiniti, sfociano anche nella scrittura delle relazioni di un libro. Ma la base di partenza è simile.

Devi scrivere una relazione efficace, capace di raggiungere il destinatario con una serie di informazioni per riassumere, approfondire e riportare notizie. Da dove iniziare? Come impostare una relazione scritta? Ecco i consigli per dare informazioni.

Cos’è una relazione e come si fa: definizione

Come fare una relazione? È giusto capire qual è il significato di questa parola. Con il termine in questione si indica un documento, digitale o cartaceo, nel quale si riportano con precisione degli eventi o delle nozioni. In ogni caso sono le esperienze vissute al centro dell’attività di scrittura.

Questo lavoro di buona scrittura nasce dalla necessità di riportare ciò che hai letto, visto e toccato con mano. Puoi impostare delle relazioni scolastiche o aziendali, tutto dipende dalla situazione. Ma, come ti dicevo, la base di partenza è simile.

Sa leggere: come scrivere una lettera formale

Come impostare e iniziare la relazione scritta

Il primo punto per procedere è chiaro: devi definire il lavoro con una serie di passaggi indispensabili per scrivere la relazione nel miglior modo possibile. In che modo?

struttura relazione
I punti essenziali: come si fa una relazione.

Seguendo il principio della chiarezza massima per raggiungere il pubblico. Stilare una relazione prevede la presenza di 3 riflessioni che non possono mancare.

Obiettivo

A cosa serve questo documento? Perché stai scrivendo un report? Il passaggio essenziale è quello che ti dà la possibilità di contestualizzare la tua attività. Ricorda che la funzione di questo documento è sempre espositiva, quindi devi informare.

Target

Il secondo punto da prendere in considerazione: a chi si rivolge questo lavoro? Preparare una relazione senza conoscere la tua audience è un azzardo che non puoi permetterti: prima di iniziare a scrivere devi capire a chi è diretto il testo.

Fonti

Prima di stilare la relazione devi avere una base di partenza, devi capire cosa inserire in questo testo. Quindi la gestione delle fonti diventa un passaggio imprescindibile per fare in modo che il risultato finale sia efficace per il lettore.

Schema e struttura per stilare una relazione

Puoi scrivere una relazione universitaria, un report di lavoro, una scheda per recensire libri. In ogni caso c’è uno schema per definire il tipo di lavoro da svolgere nella stesura di questo documento. Quali sono i punti per fare una relazione?

Prima di iniziare crea una scaletta, uno schema delle cose da scrivere. Puoi usare un programma di mappe mentali per organizzare il lavoro di stesura.

Devi seguire una struttura che tendenzialmente riprende la piramide rovesciata: prima le informazioni più importanti poi i dettagli e gli approfondimenti.

Titolo e sottotitolo

Elementi di grande chiarezza, stringhe di testo capaci di sintetizzare in poche parole cosa stai per introdurre. Le persone incrociano l’headline e si interessano, continuano con il sottotitolo e capiscono qualcosa in più. Per poi iniziare a leggere.

Introduzione e incipit

La relazione di solito inizia con una premessa che può essere metodologica o meno, quindi eventualmente capace di presentare l’argomento e le operazioni effettuate.

Qui puoi inserire anche fasi e tempi necessari per il lavoro, persone coinvolte, ruoli individuali. Nella macro-sezione vengono compresi questi elementi chiave:

  • Titolo.
  • Sottotitolo.
  • Autore/i.
  • Data e luogo.
  • Abstract.

In quest’ultima sezione si trovano le attività svolte per ottenere il risultato. In sintesi, cosa mettere in questa sezione? L’argomento generale della relazione, l’aspetto particolare che affronti, la situazione attuale delle conoscenze, il contributo personale.

Metodologia della ricerca

Parlo delle metodologie di lavoro che hanno permesso di raccogliere i dati. Qui viene descritto anche il tema da affrontare ed eventuale normativa rispettata.

Non sempre questo passaggio è necessario, riguarda soprattutto le relazioni tecniche e di lavoro, magari quelle universitarie. In ogni caso è indispensabile in primo luogo per capire le condizioni e le riflessioni sul campione preso in esame:

  • Quanto è ampio.
  • Come è stato scelto.

Attenzione al focus della metodologia: qual è l’obiettivo dell’analisi dei dati e, soprattutto, quali metodi sono stati usati e messi in pratica? Qualitativi o quantitativi?

Corpo della relazione

Qui devi preparare la relazione vera e propria, aggiungendo le informazioni necessarie per essere informativo, esporre con chiarezza i punti necessari al pubblico per capire. Qui puoi essere ancora più preciso sul metodo e gli strumenti usati.

Conclusione

Il momento da dedicare ai risultati, ai dati raccolti (già hai spiegato come) e a eventuali difficoltà incontrate nel corso del lavoro. Qui puoi descrivere i dati, commentare i risultati, definire riflessioni e proporre nuovi punti di vista.

schema relazione

Qui devi chiederti che cosa puoi estrarre dai risultati, quanto sono utili le conclusioni e che cosa puoi fare per dare un seguito al lavoro svolto. Non basta enumerare i punti essenziali e le conclusioni, dai anche uno sguardo verso il futuro.

Bibliografia e fonti

Come mostrato anche nello schema emedia, l’ultimo punto riguarda l fonti utilizzate. Soprattutto per una relazione scientifica è importante citare bibliografia e altre realtà necessarie per ottenere dei riferimenti chiari rispetto a cosa hai consultato.

Esempi di come scrivere una relazione

Hai bisogno di un caso pratico, uno schema chiaro di come si scrive una relazione? Capisco, in realtà le variabili sono infinite, potresti aver bisogno di esempi per scrivere relazioni scientifiche, tecniche, di tirocini o libri, magari di un laboratorio.

esempio di relazione

Per questo ti consiglio di dare uno sguardo a www.examples.com che riassume decine di modelli ed esempi di reportistica. In questo modo puoi scaricare quello che preferisci.

Come stendere una relazione di lavoro

Una struttura chiara alla base del lavoro di stesura aiuta, ma ricorda sempre che alla base di tutto ciò si nasconde la tua abilità. Come fare una relazione? Semplice, devi seguire alcune regole di buona scrittura che potrebbero fare la differenza.

Il linguaggio deve essere pensato per favorire la leggibilità del testo, ma rimanda alla credibilità del tone of voice. Ogni elemento deve avere un carattere capace di comunicare autorevolezza e oggettività. Non è facile scrivere una buona relazione.

Numeri e dati

Quando citi percentuali e statistiche stai dando un buon contributo al lavoro per scrivere una relazione tecnica, ma ricorda di dimostrare sempre da dove arrivano le cifre. Metodologia e fonte del lavoro di analisi restano dei riferimenti imprescindibili. Per migliorare quest’aspetto puoi inserire anche le tabelle riassuntive.

Materiale visual

Un punto da sottolineare con grande attenzione: immagini e video. Questi elementi possono contribuire al lavoro di chiarezza ma devono essere sempre accompagnati dalla fonte. Eventuali grafici devono essere spiegati, devi mostrare i dati.

Per approfondire: come scrivere un curriculum vitae

Come fare una relazione: qualche domanda?

In questo post trovi i consigli per preparare e impostare una relazione basata sulla buona scrittura. Anzi, sulla comunicazione efficace. Perché l’obiettivo finale è questo: relazionare, riportare al destinatario ciò che hai visto e letto, magari vissuto.

Secondo te è facile preparare una relazione scritta in grado di parlare al posto tuo? Lascia nei commenti opinioni ed eventuali domande per capire come procedere.

The post Come scrivere una relazione e impostare un buon lavoro appeared first on My Social Web.

Powered by WPeMatico

Leave a comment